La Tezenis inizia al meglio la seconda fase superando la Top Secret Ferrara (91-68) e ottenendo così la nona vittoria consecutiva. Ramagli ritrova Caroti ma deve rinunciare a Pini per lombalgia, la Scaligera comanda nel punteggio dall’inizio alla fine con un Greene da 21 punti e 21 di valutazione. A proposito di valutazione, quella finale dice Tezenis 115, Ferrara 62: la squadra di Leka, priva stasera di Vencato, è tradita dai propri americani (5 punti in due).

Primo quarto ad alto punteggio, con Candussi subito “panchinato” per aver commesso due falli in meno di due minuti di gioco. Verona schizza avanti 7-2 dopo la tripla di Bobby Jones, Ferrara si riporta sotto con la conclusione pesante di Zampini (11-9) e poco dopo con quella dell’ex Panni (15-14). Janelidze e Greene ricacciano indietro la Top Secret (19-14), Baldassarre risponde con la tripla del 19-17, prima delle triple di Jones e Green che valgono il 25-17. Al primo mini-intervallo si arriva sul 27-21, Caroti inaugura il secondo quarto con la tripla del 30-21 ma anche stavolta gli ospiti ricuciono il ritardo sino al -2 grazie al cesto del solito Baldassarre (36-34). A metà tempo la tripla di Rosselli sigla il 39-34, poi d’improvviso il punteggio si abbassa, tanto che nella seconda parte di questo quarto il parziale sarà di 6-3 (45-37 all’intervallo lungo).

Nella ripresa coach Leka rinuncia definitivamente a Pacher, la Tezenis a cavallo del riposo piazza un break di 12-0 (52-37) che sposta decisamente l’inerzia del match. L’ex Hasbrouck segna l’unico canestro della sua serata (tripla del 52-40) prima di essere richiamato definitivamente in panchina; Jones dalla lunetta e Tomassini da tre allungano sino al 57-40 e la forbice si allarga minuto dopo minuto (62-44 a metà di questa frazione). Il +18 viene confermato all’ultimo riposo (69-51), la difesa gialloblù si fa sentire e nella frazione conclusiva arriva il massimo vantaggio sul +23 (78-55). La contesa non ha più nulla da dire, coach Ramagli spedisce in campo i giovani Colussa, Guglielmi e Van der Knapp e possono così partire i titoli di coda. Verona si porta così a -2 in classifica da Ferarra e mercoledì è attesa dalla lunga trasferta di Chieti dove sarà ospite della LUX, allenata dal veronese Maffezzoli.