La Pesistica del Veneto riparte dalla Bentegodi Presentato il programma delle attività da settembre a dicembre 2020
Come tutte le Federazioni Sportive nazionali riconosciute dal CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano), anche la FIPE (Federazione Italiana Pesistica) ha presentato il suo programma nazionale e regionale per la ripresa delle attività, sono la lunga serrata causata dalla pandemia Covid 19., che ha fermato tutto lo sport nazionale e internazionale La scorsa settimana il Centro Bentegodi ha ospitato una ristretta riunione con i delegati delle sette province del Veneto, dei rappresentanti degli ufficiali gara, atleti e tecnici e dei collaboratori del comitato regionale veneto pesistica, indetta da Umberto Milani, delegato regionale e Claudio Toninel, consigliere federale nazionale della Federpesistica.

L’attività regionale è stata presentata da Umberto Milani, che ha fissato tre importanti appuntamenti regionali per le discipline della pesistica olimpica e della distensione su panca. Sabato 26 e domenica 27 settembre, il Centro Bentegodi di Via Trainotti ospiterà i campionati regionali assoluti di pesistica olimpica, sabato 31 ottobre e domenica 1 novembre, la palestra Strong4Real, in Via Schiaparelli 20, Verona, ospiterà il campionato regionale assoluto di distensione su panca, mentre i campionati regionali di distensione su panca paralimpica saranno organizzati a Cortina d’Ampezzo, nel mese di ottobre. Tutte le tre gare regionali saranno allestite nel rispetto di un rigido protocollo organizzativo, con una sola pedana o panca di gara, con turni di gara con massimo 8 atleti, ai quali sarà assegnata una pedana o panca personale per il riscaldamento pre gara, con un bilanciere personale con il quale prepararsi alle prove gara e che sarà disinfettato dallo stesso atleta o da un suo tecnico accompagnatore, al termine delle prove.

Gli atleti saranno convocati a piccoli gruppi, in base alle iscrizioni delle società, con un ingresso loro riservato, dove sarà rilevata la temperatura e sarà consegnata una autocertificazione attestante il loro stato di salute. Non saranno previste ed effettuate le premiazioni e non sarà ammesso pubblico o persone non interessate alle manifestazioni. Sempre a Verona, con varie sedi logistiche, si svolgerà un corso regionale di primo livello Fitness Personal Trainer, con inizio sabato 5 settembre ed esami finali sabato 31 ottobre 2020.

“Con i rigidi protocolli della Federpesistica e con quello che la Bentegodi sta attuando per la ripresa delle attività” – afferma Milani -“l’esordio regionale sarà tra i più sicuri a livello nazionale e tutti saranno tutelati” Claudio Toninel ha poi presentato il calendario nazionale, che prevede lo svolgimento dei campionati italiani juniores e assoluti di pesistica Olimpica, che saranno allestiti a Roma, presso il Centro Sportivo Olimpico dell’Esercito Italiano della Cechignola, tra il 5 e l’8 dicembre e dei campionati italiani di distensione su panca e paralimpica, che avranno sede a Lignano Sabbiadoro (Udine), il 12 e 13 dicembre 2020. Anche queste manifestazioni saranno organizzate nel rispetto delle normative sopra descritte, per garantire la massima sicurezza per atleti, tecnici, dirigenti, ufficiali di gara ed organizzatori che saranno interessati a vario titolo nello svolgimento delle varie operazioni previste dal regolamento tecnico. Altro appuntamento nazionale molto importante per la vita federale sarà lo svolgimento dall’Assemblea Nazionale Elettiva, per il quadriennio olimpico 2021-2024, che si svolgerà a Roma nelle giornate di sabato 10 e domenica 11 ottobre a cui faranno seguito le assemblee elettive regionali, su tutto il territorio nazionale.

“Purtroppo è ancora incerta la situazione dell’attività internazionale” afferma Toninel “con le nostra due atlete azzurre bentegodine Carlotta Brunelli e Celine Delia, che stanno aspettando la conferma degli europei giovanili in Lettonia e in Finlandia e degli assoluti in Russia, a Mosca, programmati tra agosto e settembre prossimi, ma ancora in sospeso, considerando le varie situazione di emergenza Covid 19, attualmente molto differenti tra nazione a nazione, con molti paesi abbastanza sanificati, com’è sicuramente l’Italia ed altri ancora in serie situazioni di pandemia”.