SportdiPiù magazine compie quest’anno 12 anni. Un percorso, come più volte evidenziato, ricco di
soddisfazioni e di impegno, un progetto editoriale sempre più ‘sul pezzo’ grazie alla professionalità
di una redazione sempre più numerosa (ad oggi siamo quasi una ventina..) e alla collaborazione con
le società sportive e le istituzioni del territorio veronese e, da quest’anno, anche del territorio
veneto. Già da qualche numero, e precisamente da maggio 2019, abbiamo aperto i nostri orizzonti verso le
altre provincie della nostra regione, ottenendo buoni riscontri dal Comune di Venezia e da quello di
Cortina e creando con loro nuovi percorsi di promozione e diffusione dell’attività sportiva dei loro
territori e dei loro atleti.
Così facendo, inevitabilmente, lo sport veronese è stato ‘costretto’ a cedere pagine e visibilità a
quello di altre province.
Se da una parte questo ci ha fatto molto piacere (segnale inequivocabile di crescita e diffusione del
nostro progetto), dall’altra un po’ ci è dispiaciuto.

Si, perché SportdiPiù magazine è nato, testuali parole: “con l’obiettivo di divulgare e far conoscere lo sport veronese, in particolare quelle discipline che in modo assolutamente improprio vengono definite minori e da noi ribattezzati sport di nicchia o non contaminati”.
Ecco quindi che con il Delegato Provinciale del Coni Verona Stefano Gnesato, al quale sono legato,
oltre che da amicizia vera, anche da profonda stima e da una visione dello sport pressoché identica,
abbiamo deciso di aprire un nuovo canale digitale per far parlare, come qualche anno fa, lo sport di
casa nostra.
Società, Federazioni, Comuni, Enti di promozione, singoli sportivi: con SportdiPiù magazine
digital edition potranno raccontare, presentare e promuovere le loro attività e il loro eventi. Gratis.
Come sempre abbiamo fatto anche se, a dire il vero, non tutti hanno colto l’occasione.

Speriamo che questa nuova opportunità – che non avrà una cadenza fissa e sarà cadenzata in base
alle notizie che riceveremo a [email protected] – possa essere uno nuovo strumento per
chi, come noi, crede nello sport vero, quello che si sporca nel fango, che suda nelle palestre, che
vince e che perde senza polemiche, che diverte, unisce e ‘fa stare bene’.
Noi ce la mettiamo tutta, credeteci. Però anche lo sport veronese – troppo spesso si lamenta di avere
scarsa visibilità e di non sapere come promuoversi – deve credere in questo tipo di iniziative;
sarebbe un peccato perdere un’altra occasione.

Alberto Cristani

SportdiPiù Verona digital edition n.1 – marzo 2020