A Predazzo Aigner si deve inchinare al polacco

Il trampolino di Predazzo è decisamente la ‘Mecca’ dei saltatori polacchi. Maciej Kot, dopo il successo di ieri sera, oggi ha concesso il bis in Continental Cup e sempre davanti al leader di classifica Clemens Aigner (AUT). Il podio è completato dallo sloveno Mark Hafnar, un podio inatteso per lui anche se meritato, conquistato in seguito alla squalifica del terzo in gara, l’americano Kevin Bickner, per irregolarità della tuta.
Due salti, senza quello di prova, a partire dalle ore 9 sul trampolino “Normal Hill” HS 104 della Val di Fiemme, con una struttura davvero al top della preparazione ad ospitare l’ultima gara di stagione per il comitato Fiemme Ski World Cup, e con il saluto al trampolino HS134 che in vista delle Olimpiadi 2026 dovrà essere ricostruito a causa dell’invecchiamento dopo aver ospitato ben tre Campionati del Mondo, Universiadi e innumerevoli Coppe del Mondo.
Primo salto di gara senza grandi sconvolgimenti rispetto alla prima giornata, con il polacco Kot a saltare per ultimo e a centrare il miglior salto con 103 metri e 137,3 punti, precedendo Aigner atterrato a 100,5 metri con 135,3 punti. Terzo posto a sorpresa dello sloveno Hafnar, partito col pettorale 39 davanti allo statunitense Bickner.
Degli italiani finiscono nei primi trenta – e dunque guadagnando il passaggio al salto finale – Alex Insam con un positivo 20° posto (91 m.) e Daniel Moroder (29°), mentre sono costretti a salutare la gara Giovanni Bresadola per sole tre posizioni, Mattia Galiani (44°) e Francesco Cecon (45°).