L’At Villafranca sui campi di casa è riuscita a guadagnarsi la permanenza in serie B. Infatti, la squadra villafranchese ha estromesso, nel primo turno del play-out, i rivali di Ca’ del Moro per 4 incontri a 2. Tumicelli (2.7) ha estromesso Gavardina (2.8) con un doppio 6-2. Cornea (2.5) ha avuto la meglio su Commisso (2.4) 6-1 6-4 e Facchini (2.8) ha spazzato via De Col (3.1) 6-0 6-2. Il punto della bandiera per i veneziani arriva dal “veterano” Radic (2.1) che a causa del ritiro di Garzotti (2.5) si aggiudica il match dopo che stava conducendo per 7-6 2-1.

Come la domenica precedente, il punto della vittoria arriva nei doppi: Cornea-Bompieri (2.5) hanno sconfitto la coppia veneziana Marchesan (2.8)-De Col 6-2 6-2 mentre Tumicelli-Facchini non hanno potuto fare niente contro i più quotati Radic-Agazzi, cedendo 6-0 6-1.

Il capitano Botto è molto soddisfatto per il risultato raggiunto: “Ieri abbiamo fatto una grande prova. Un grandissimo risultato che ci ha portati alla salvezza. Al primo anno siamo riusciti ad arrivare quarti nel girone e a guadagnarci la salvezza al primo round”. Il capitano non può che complimentarsi con la squadra per l’ottima prova dei giocatori scesi in campo: “I due nostri vivai Tumicelli e Facchini hanno giocato due bellissime partite, giocando molto concentrati portando a casa due punti importanti. Cornea ha giocato un altro suo grande match contro un avversario ostico come Commisso. Peccato per Garzotti che si è dovuto ritirare per infortunio”. La squadra, composta da dieci tennisti, si è rivelata bisognosa di tutti i suoi componenti: “I tanti giocatori validi della rosa, sono stati la nostra forza. Ieri siamo riusciti a tamponare l’infortunio di Garzotti con l’inserimento di Bompieri che assieme a Cornea ha disputato un grande doppio. Tutti, chi più chi meno, sono stati fondamentali”.

L’esordio vicende alla prima partita del girone 7 di serie B ha dato una forte spinta alla squadra oltre a tanto entusiasmo: “Sapevamo che sulla carta c’era da lottare ma dalla prima vittoria ad Arezzo, siamo riusciti a unirci e a credere nelle nostre potenzialità. Siamo riusciti a vincere anche la seconda giornata contro Rovereto e queste due vittorie sono state fondamentali perché con l’ultima partita vinta contro Piacenza sapevamo che potevamo arrivare in una buona posizione per i play-out. Infatti, con la quarta posizione abbiamo avuto la possibilità di giocare tra le mura amiche la delicata sfida contro Ca’ del Moro”. Non sono mancate le sconfitte ma il capitano elogia il gruppo per come ha saputo rispondere a questi passi falsi: “Le sconfitte contro squadre superiori come Bari e Casale non ci hanno impaurito. Siamo riusciti a rimanere concentrati sull’obiettivo riuscendo a ottenere un grandissimo risultato”.

Anche il presidente Alberto Dalfini si complimenta con la squadra: “Grande girone con una salvezza incredibile e impensabile alla vigilia. Grandissima soddisfazione per aver fatto giocare i nostri vivai che si sono comportati ottimamente”. Conclude: “Un ringraziamento va a tutti i giocatori, a capitan Botto a tutti gli sponsor che hanno contribuito per farci partecipare al campionato, al pubblico che ci ha sostenuto e a tutte le persone che hanno dato il loro contributo, in particolare il segretario Massimiliano Ramponi e Franco Zamboni”.

Matteo Zanon