Una domenica positiva per il mondo Autozai Contri Omap. Gli uomini del presidente Enrico Mantovanelli rialzano la testa e riescono a conquistare piazzamenti importanti. Al 23° Gran Premio dell’Arno un combattivo Matteo Pellicari si inserisce nei primi venti. Le gioie principali però arrivano da Cles, dal 26° Trofeo Renetta Canada Melinda. Le strade trentine infatti premiano ben due dei nostri atleti fra i primi dieci. Al quarto posto Marco Palomba, mentre al settimo Alberto Sabaini. “Sono molto soddisfatto della mia corsa”, il racconto di Marco Palomba. “Alla fine sarei potuto salire sul podio ma comunque sono stato in linea con i migliori”, l’osservazione più pertinente del corridore al primo anno nella categoria. Un Marco Palomba sempre presente nelle fasi cruciali della gara. Dal tentativo di fuga a 36 Km dall’arrivo fino alla volata finale. “Ho provato insieme ad altri tre ad andarmene”, continua ancora Palomba. “Da dietro però hanno spinto per evitare che si creasse un margine pericoloso”, la riflessione.

“Eravamo un drappello competitivo, con alcuni profili molto temibili. Abbiamo retti alcuni km ma purtroppo siamo stati ripresi”, il rammarico della manifestazione trentina. Marco Palomba però è stato bravo a non perdersi d’animo. Qualche momento di scoramento che però non ha comportato alcuna flessione. Un atteggiamento aggressivo fino agli ultimi metri. “Faccio i complimenti a chi mi ha preceduto”, la sportività dell’atleta Autozai Contri Omap. “Io però sono molto contento. Ho partecipato alla volata. Ho cercato di cogliere un piazzamento interessante e ci sono riuscito. E’ un buon quarto posto, che riscatta anche i week-end precedenti”. La prossima settimana riflettori sul campionato italiano su strada di Città di Castello.