La Europe Energy Cestistica brinda alla salvezza: i biancorossi superano in gara-3 del primo turno di play out la Vigor Conegliano (64-58) e si guadagnano la permanenza in C/Gold. Dopo essere stata sotto 0-1 nella serie, la squadra di Dacio Bianchi è riuscita a ribaltarla, vincendo due partite consecutive con le spalle al muro. Grande soddisfazione per la dirigenza veronese e per il pubblico della “Cesta” che ha gremito il “Coni” di Basso Acquar in questa decisiva gara-3 con un tifo incessante e corretto.

Primo quarto equilibrato con Conegliano che riesce a racimolare 5 punti di vantaggio grazie soprattutto a Moro (6-11); la Cestistica riesce a guadagnarsi falli e a capitalizzare dalla lunetta con Bolcato e Croce (10-11). La gara è godibile e ad alto punteggio, Leo Croce dà alla Europe Energy il primo vantaggio della serata con l’appoggio del 14-13, ma gli ospiti riescono a mettere di nuovo il naso avanti e a chiudere il primo quarto sul +2 (16-18). Nel secondo quarto sale di tono la difesa biancorossa: 8 soli punti concessi alla Vigor in tutta la frazione e parziale iniziale di 10-0 (26-18 dopo 5 minuti di gioco). Conegliano mette a segno i primi punti di questo quarto quando il tabellone segna 4′:40″ alla fine del periodo (26-20), con la Europe Energy che appare infermabile: Boscagin ne mette 5 consecutivi e sigla il +14 (35-21). Tintinaglia risponde anch’egli con 5 punti in fila (35-26), ma Bosca riporta i suoi in doppia cifra di vantaggio (37-26 all’intervallo lungo).

Nel terzo quarto i trevigiani si riportano sotto con Vendraminelli (43-35), Croce mette una tripla seguita da un canestro in sospensione per il 48-35 e dà il via al break di 9-0 chiuso dal cesto di Bovo (52-35). Michelin realizza l’ultimo canestro di questa frazione (52-37) ma il piatto piange per Conegliano che nel secondo e nel terzo quarto ha segnato in tutto 19 punti. Nella frazione conclusiva, capitan Fabbian al 24esimo secondo infila la tripla del 55-39 e Damiani da sotto sigla il massimo vantaggio della serata (57-39). Mancano 7 minuti alla fine, la gara sembra in ghiaccio ma Conegliano ha un colpo di coda che produce un terrificante break di 2-16 in poco più di 4 minuti. La sfida è riaperta anche perché la Cestistica commette infrazione di 8 secondi e gli ospiti hanno la possibilità di ridurre ulteriormente il ritardo: Damiani però ruba palla e subisce fallo (2/2 ai liberi per il 61-55). Si entra così nell’ultimo minuto di gioco, Michelin mette la tripla del -3 (61-58) ma poi la palla finisce nelle mani sicure di Bosca (18 per lui stasera) che fa 3/4 ai liberi e chiude il discorso.