L’Ecodent Point Alpo vince di misura il “primo tempo” della finale playoff del girone nord della A2 femminile con la B&P Autoricambi Costa Masnaga (67-65). La finale ora si sposta a Costa, dove sabato sera è in programma gara-2 (non è prevista la “bella”, chi vince va in A1, in pratica). Pubblico delle grandi occasioni a Villafranca, Sindaco in testa: partita tirata, ostica, fisica, come da copione, con le ospiti che hanno condotto nel punteggio per quasi tutto il match. Zampieri da una parte (20 punti e 25 di valutazione) e Baldelli dall’altra (24 e 27) le mattatrici dell’incontro, in una serata dalle basse percentuali al tiro dal campo (35% Alpo, 34% Costa).
Primo quarto equilibratissimo e ad alto punteggio: Vente mette a segno 8 punti dei primi 12 di Costa (11-12) dopo che Zampieri aveva portato avanti l’Ecodent Point sull’11-10. Le “pantere” accelerano con Rulli (11-16) ma Pertile da due e Zampieri da tre impattano sul 16-16. Il quarto si chiude con la tripla di Longoni e con lo spettacolare tap-in di Scarsi sulla sirena (18-21).
Costa inizia il secondo periodo con due falli in attacco, ciò nonostante si porta sul 18-25 con il tiro “da quattro” di Baldelli (tripla + libero). Galbiati spara a salve e le ospiti ne approfittano per raggiungere la doppia cifra di vantaggio con Picotti (22-32). Il pubblico di Villafranca si fa sentire e dà avvio al break biancoblu di 10-3, chiuso da 5 punti consecutivi di Zampieri (32-35). Coach Pirola si fa fischiare un fallo tecnico e la solita Zampieri, stavolta dalla lunetta, sigla il -2 all’intervallo (36-38).
Nel terzo quarto il tecnico arriva a Vespignani e viene finalizzato dalla solita Baldelli (38-44). Il punteggio si abbassa, l’Ecodent Point commette un’infrazione di 24″ ma riesce a risalire con 5 filati di Ramò e con il contropiede di Vespignani (45-47). Anche Vente ne mette 5 consecutivi (48-52), Scarsi fallisce qualche conclusione di troppo e subisce un discutibile fallo tecnico, finalizzato, manco a dirlo, da Baldelli (libero del 48-53 che conclude il terzo periodo).
Nella frazione conclusiva arriva il pareggio con l’unico canestro della serata di Galbiati (tripla del 53-53), cui rispondono Vente dalla lunetta e Frustaci in sottomano dalla linea di fondo e con una pesantissima tripla (53-60). Dopo il time-out richiesto da coach Soave, ecco la tripla di Pertile e il cesto in post basso di Zampieri (58-60); Baldelli infila la sua quinta tripla (58-63), ma stavolta la reazione biancoblù è veemente: parziale di 7-0 che vale il sorpasso. Sono Ramò e Pertile a concretizzare il 65-63 con cui si entra nell’ultimo minuto di gioco. Rulli e Vente mancano l’aggancio, Vespignani sbaglia la conclusione da fuori area e Baldelli pareggia dalla lunetta (65-65) a 12 secondi dalla sirena. Dopo il time-out, Vespignani subisce fallo in entrata e mette i liberi del 67-65 a 6 secondi dalla sirena, prima del doppio errore di Balossi e Rulli che fanno calare il sipario su gara-1.