La Tezenis Verona difende la differenza canestri nel match del PalaCarnera. La vittoria dei friulani per 76-71 consente ai gialloblù di coach Dalmonte di mantenere il quarto posto in classifica ad una giornata dal termine della regular season con l’ultimo ostacolo, sabato prossimo, chiamato Cento, mentre i bianconeri saranno impegnati sul campo di Treviso.

La cronaca. La Tezenis scappa subito. 2-8 dopo 90 secondi di gioco in un concentrato di difesa, rimbalzi e precisione al tiro con Severini, Vujacic ed Amato.
Dopo il 2-10 di Poletti, Udine reagisce riportandosi ad un possesso di distanza, (7-10) ma è ancora la Tezenis a premere sull’acceleratore. I gialloblù bucano la retina a ripetizione con Vujacic particolarmente ispirato (14 punti nei primi 10 minuti) ma con tutta la prestazione offensiva di squadra di grande livello (71%); Udine prova a tenere il passo con Simpson e proprio lui fissa il punteggio sul 27-31 sulla prima serena.
I padroni di casa arrivano fino al pareggio dopo i primi due minuti di gioco. Verona fatica a trovare flusso offensivo, Udine gioca con grande caparbietà e Powell, con una palla rubata su Ferguson, si invola in contropiede per firmare il 33 pari. Punteggio con l’elastico con la Tezenis ancora in fuga (33-39) prima del break dei ragazzi di Martellossi che tornano a contatto con un break di 6-0 (39-39). Il time out di coach Dalmonte è l’anticamera per i canestri di Vujacic e Candussi (39-43); la tripla di Amici (42-43) anticipa il gioco da tre punti firmato da Amato, capace di tagliare la difesa friulana e di conquistare canestro e libero aggiuntivo (42-46). Udine capitalizza i possessi dopo gli errori di Amato e Candussi, con il Carnera che esplode sulla tripla di Powell (47-46); alla sirena per l’intervallo lungo c’è ancora una manciata di secondi ma Verona trova il canestro di Ferguson e una stoppa di Udom su Powell, si chiude sul 47-48.
E’ un inizio di secondo tempo nervoso. La Tezenis perde il proprio flusso dopo il canestro di Amato in apertura, lasciando spazio alla formazione di casa che trascinata dal proprio pubblico allunga fino al +5. Lo firma Powell, in allontanamento, spingendo Verona al massimo svantaggio. Caparbia e lucida, la formazione gialloblù si avvicina di nuovo, con 4 punti consecutivi di Udom (58-57) e la gara continua a regalare emozioni. Vujacic pareggia sul 62, Simpson allunga ancora sul 65, Powell chiude il terzo quarto sul 67-62.
9
L’ultimo quarto si apre con i soli tre punti di Verona nei primi 4 minuti (67-65). La gara accelera a metà parziale. Simpson ed Amato si rendono protagonisti di un botta e risposta dalla lunga distanza (70-68) ma è negli ultimi tre minuti che la gara diventa rovente. Udine allunga sul +6 con un canestro di Penna in contropiede e Dalmonte chiama time out. Vujacic strappa applausi al rientro in campo (74-71) ma a 37 secondi dalla fine la bilancia pende dalla parte friulana (76-71). Alla sirena conclusiva il punteggio non cambia.

G.S.A. Udine – Tezenis Verona 76-71 (27-31, 20-17, 20-14, 9-9)
G.S.A. Udine: Trevis Simpson 24 (3/4, 6/10), Marshawn Powell 14 (4/8, 2/7), Lorenzo Penna 14 (1/2, 4/4), Francesco Pellegrino 8 (4/7, 0/2), Stefan Nikolic 6 (3/3, 0/2), Chris Mortellaro 6 (3/3, 0/1), Alessandro Amici 4 (0/2, 1/3), Mauro Pinton 0 (0/1, 0/1), Raphael Chiti 0 (0/0, 0/0), Luigi Cautiero 0 (0/0, 0/0), Marco Spanghero 0 (0/0, 0/0), Pietro Di giovanni 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 1 / 6 – Rimbalzi: 35 10 + 25 (Stefan Nikolic 8) – Assist: 17 (Trevis Simpson 5)
Tezenis Verona: Aleksander Vujacic 22 (2/5, 6/9), Andrea Amato 14 (2/4, 3/7), Francesco Candussi 13 (4/9, 1/3), Mattia Udom 8 (1/1, 1/2), Mitchell Poletti 7 (2/2, 1/3), Giovanni Severini 3 (0/0, 1/4), Jazzmarr Ferguson 2 (1/3, 0/2), Iris Ikangi 2 (1/1, 0/2), Omar Dieng 0 (0/0, 0/0), Andrea Quarisa 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 6 / 9 – Rimbalzi: 25 6 + 19 (Francesco Candussi 10) – Assist: 20 (Andrea Amato 6)

Foto: Massimo De Marco