Torna al successo la Europe Energy Cestistica dopo tre sconfitte consecutive: al “Don Calabria” a cadere è la Guerriero Padova (77-73) al termine di un match dominato per tre quarti e mezzo dai veronesi e rimesso in discussione nel finale dalla combattiva formazione di coach Augusti. Per i biancorossi, come sempre, grande prova di Damiani che ha chiuso in doppia doppia (16 punti, 11 rimbalzi e 36 di valutazione) e del duo Croce-Boscagin, rispettivamente 20 e 16 punti.

La “Cesta” inizia subito forte: il Petrarca fatica a trovare la via del canestro (5 punti nei primi 7 minuti di gioco) e i padroni di casa “doppiano” gli avversari (10-5) con i canestri di Damiani, Croce e Boscagin. La tripla di Bolcato dà ai biancorossi la doppia cifra di vantaggio (17-5), quella di Crestani addirittura il +14 dopo nemmeno 9 minuti di gioco (22-8) e il primo quarto si chiude sul 23-12. Nel secondo periodo Padova si riporta sotto con Chinellato e Seck (25-19) ma la Europe Energy risponde con un break di 13-2 chiuso dal cesto di Damiani (36-21). Bolcato con due triple tiene lontani gli ospiti (44-29), Ragagnin risponde con un valido e fallo (44-32) e Croce da oltre l’arco manda tutti negli spogliatoi (47-32 a metà gara).

Nel terzo quarto la Cestistica trova il massimo vantaggio della serata (50-32) grazie alla tripla di Croce, la gara non sembra in discussione anche perché a metà tempo il tabellone segna 55-40. Le triple di Di Falco e Andreaus dànno speranza ai patavini (55-46), Boscagin e Bovo li ricacciano indietro (61-48) e si arriva all’ultimo mini intervallo dopo i tiri liberi di Scattolin (63-54). Nella frazione conclusiva la contesa si fa spigolosa, Andreaus con un’azione da tre punti sigla il -6 (63-57), Boscagin e Damiani riportano la doppia cifra di vantaggio interna (67-57) e negli ultimi 5 minuti, come detto in apertura, la contesa si riapre. Il solito Andreaus firma la tripla del -4 (69-65), Damiani ne mette tre consecutivi per il 72-65 e ad un minuto dalla fine il +7 viene “ripristinato” grazie a Bovo dalla lunetta (74-67). Nell’ultimo minuto succede di tutto: due triple della Guerriero la riportano al quasi aggancio (74-73), Boscagin a 17″ dalla sirena fa 2/2 ai liberi (76-73), Ragagnin fallisce per due volte la tripla del pareggio e Bovo mette il libero del 77-73 conclusivo.