97 iscritti, 11 vetture di classe S1600, 11 vetture di classe A7/PROD E7, 9 vetture in R2B, 11 equipaggi Under 25. Sono questi alcuni dei numeri più importanti del 4° Rally dei Colli Scaligeri, il rally day che entrerà nel vivo sabato 6 e domenica 7 aprile a Montorio, Verona, per la regia della AEFFE Sport & Comunicazione.

La gara, spostata in avanti rispetto alla tradizionale data di inizio marzo, ha confermato l’affetto dei partecipanti non solo veronesi, registrando il più alto numero di iscritti e preparando uno spettacolo di notevole interesse. Si parte dalla classe S1600, la più performante ammessa al via di questo genere di manifestazioni. 11 vetture con equipaggi di assoluto livello. Obbligatorio partire da Dal Ponte-Tessaro (Renault Clio/Omega) vincitori delle prime due edizioni che riproveranno a mettere la firma alla gara, ma attenzione a Bravi-Bertoldi (Renault Clio/North East Ideas) sul podio al Rally del Piemonte, l’altra gara by AEFFE Sport. Tocco internazionale con il ritorno dei francesi Audirac-James (Renault Clio/La Superba) desiderosi di riscattarsi per l’errore che lo scorso anno costò loro una probabile vittoria.

Decisamente agguerrita la concorrenza con Ganesini-Bergonzi (Renault Clio/Top Rally) e ancora Cocco-Buccino (Renault Clio/For Sport). Nutrito il parterre dei veronesi nella top class, con Zaglia-Gaggioli (Renault Clio/Verona Corse), Sartori-Faettini (Renault Clio/New Star 3), Garonzi-Corradini (Renault Clio/Best Racing Team), Gaspari-Falezza (Renault Clio/Aeffe Sport) e la rinnovata sfida tra Zantedeschi-Righetti (Renault Clio/S1600) con Stizzoli-Anselmi (Citroen C2/S1600), questi ultimi unici non a bordo di Renault.

Per l’assoluta, inutile nasconderlo, attenzione anche alle R3C di Bottoni-Peruzzi (Renault Clio/Verona Corse) che già hanno ben figurato nelle passate edizioni, e occhio di riguardo a Gessa-Pusceddu (Renault Clio/Giesse Promotion) direttamente dalla Sardegna. Inedita vettura, la Citroen DS3 R3T, unica di classe, per Grobberio-Valbusa (Aeffe Sport) sempre pronti a rimettersi in gioco sulle strade di casa.

Bella la sfida in A7/PROD E7, con i già citati Cunegatti-Righetti e Vigliaturo-Zandonà (Best Racing Team), a replicare la sfida 2018, ma occhio anche a Vanzo-Composta (B&B Technology), Zamperini-Panato e Canteri-Zambelli (New Star 3) tutti su Renault Clio. In R2B Dal Castello-Zanet (Peugeot 208) sono sicuramente tra i favoriti, ma la classe è decisamente nutrita di piedi pesanti come quelli di Zenoni-Ferrarin (Peugeot 208/New Star 3), anche se non saranno i soli.

Bella la sfida in N3/PROD S3 con Tumolo-Benedetti (Renault Clio/Company Rally Team), Bombieri-Tripi (Renault Clio/Company Rally Team), Mirandola-Corradi (Renautl Clio), Tarlao-Tarlao (Renault Clio) e Zaupa-Scaramuzza (Renault Clio/For Sport) per citarne alcuni.

In K10 sfida a due tra Panato-Rancan (Peugeot 106/Omega) e la Citroen C2 di Tosoni-Mantovani (B&B Technology), mentre più incerta la gara in A6/PROD E6 con 10 equipaggi tra cui Visentin-Aldegheri (Peugeot 106/B&B Technology), Baltieri-Chesini (Peugeot 106/Best Racing Team) e Zanini-Scandola (Peugeot 106). In Racing Start Plus la sfida sarà tra le due Mini Cooper di Merzari-Zerbato (Aeffe Sport) e Antonucci Gava-Dal Dosso (For Sport) contro la Citroen C2 di Albertini-Lai.

In A5/PROD E5 la gara si giocherà sul filo dei secondi, come sempre, con alcune novità. Micheloni-Sabaini portano in gara dopo tante gare sulla Peugeot 106 una Citroen AX (MRC Sport), ma tra gli altri attenzione a Avesani-Avesani (Peugeot 106/HRT Corse), Campostrini-Poddi (Peugeot 106/Best Racing Team) o Derossi-Mosena (Peugeot 106/BL Racing). Aggiungono un’altra tacca all’oramai infinita lista di gare anche Lovato-Lovato (Peugeot 106/B&B Technology).

In N2/PROD S2 assalto in 14 equipaggi, tra cui Bottoni-Nappa (Peugeot 106/Verona Corse) per una volta lontani dall’abituale Opel Kadett GTE, Gasparini-Marzocchi (Peugeot 106/New Rally Team), Vedovelli-Pavan (Peugeot 106), Rebonato-Fiorini (Peugeot 106/Verona Corse) o Rizzi-Salvatore (Renault Clio/New Star 3).

Sfida a due anche in Racing Start tra Bergamin-Colombini (Peugeot 106) e Tovo-Castegnaro (Citroen Saxò) per un confronto tutto targato Rally Team. Infine in N1/PROD S1 i mattatori della stagione 2018 Mascanzoni-Albieri (Peugeot 106) proveranno a raddrizzare l’inizio stagione dopo un Benacus non troppo fortunato, ma la concorrenza è tutta da seguire con Zoccatella-Pasetto (Rover MG ZR), Celebron-Cogo (Rover MG ZR/Aeffe Sport), Valle-Facchini (Peugeot 106/HRT Corse) e Casagrande-Baldisserotto (Peugeot 106/Rally Team).

Dopo le verifiche e lo shakedown di sabato 6 aprile, la gara entrerà nel vivo domenica mattina con la partenza da Montorio, Via dei Peschi, alle ore 9:31 e il passaggio sulla pedana di Piazza Buccari alle 9:41. I concorrenti affronteranno le prove “Valsquaranto” (5.86km) totalmente in salita dal Vajo della Pissarotta fino a San Rocco, “Caiò” (5.70km) in discesa con spettacolare passaggio al Pian di Castagnè e “San Cassiano” (6.07km) la più completa con falsopiano nel paese di Mezzane di Sotto, salita fino al capitello San Vincenzo e discesa con arrivo a Tregnago.

Il Parco Assistenza di metà giornata sarà nuovamente a Montorio, per poi affrontare il secondo giro di prove prima dell’arrivo nuovamente in Piazza Buccari alle 16:00. Ad anticipare l’arrivo, la parata degli equipaggi Omega, capitanati dal presidente Ivano Griso, che hanno partecipato al recente Panda Raid, che saliranno in pedana per una cerimonia finale della loro trasferta nel continente africano.

Antonio Ferrigno – Presidente AEFFE Sport & Comunicazione
«Siamo davvero contenti ed orgogliosi del grande affetto dimostrato dai numeri della manifestazione per questa quarta edizione, ed è una soddisfazione che va condivisa con tutta la squadra di lavoro. Certo, i conti li faremo domenica sera quando potremo raccogliere il feedback dei partecipanti, ma partire con il record di iscritti ripaga dei tanti sacrifici spesi fino ad oggi. Un grazie quindi a tutti, piloti, team e scuderie, e alle amministrazioni comunali che hanno reso possibile l’organizzazione dell’evento. Vi aspettiamo tutti a Montorio e sulle prove speciali per un weekend di rally e passione».

Michele Tosi – Coordinatore tecnico Rally dei Colli Scaligeri
«Quando siamo partiti con il Rally dei Colli Scaligeri, non sapevamo se il mondo del rally avrebbe risposto con entusiasmo, e invece lo slancio è stato fin da subito percepibile. Lo spostamento di data di quest’anno è stata un’ulteriore incognita, ma poter proseguire il trend di crescita sfiorando i 100 iscritti è sicuramente una grande iniezione di fiducia per tutti noi. Auguro un buon “Colli” a tutti, un buon divertimento e ricordo al pubblico che assisterà alla manifestazione di rispettare le prescrizioni di sicurezza degli ufficiali di gara e degli apripista così come di rispettare il territorio che ci ospita».