Tredici minuti. Settecentottanta secondi. Quelli che sono andati dal 67’ all’80’, per la precisione. Quelli che sono divenuti il crepaccio in cui è precipitata la partita del Verona a Rovigo. Quelli in cui Verona ha incassato cinque mete e trentatre punti. In cui il 28 a 7 è divenuto il 61 a 7 finale. Quelli in cui una prestazione più che dignitosa è divenuta la croce inchiodata da un’altra sconfitta dolorosa e pesante, dopo quella incassata sul campo delle Fiamme Oro.

Prima Verona, in verità, aveva tenuto bene il campo. Contro un Rovigo concentrato e motivato, con Antl all’esordio stagionale in posizione di estremo, aveva saputo lottare alla pari per diversi tratti, raccogliendo anche meno di quello che – soprattutto nel primo tempo – aveva seminato. Poi, il crollo, fisico e mentale, finale.

La sconfitta è pesante e nessun altro sport come il rugby sa essere spietato nel trasformare in tonnellate i momenti di debolezza. Ma ci sono state anche cose buone nella partita di Rovigo. Sicuramente mancano ancora ritmo e resistenza alla condizione fisica, sicuramente difesa e mischia chiusa devono migliorare, sicuramente la disciplina deve cambiare radicalmente, ma ci sono stati anche momenti e fasi di qualità e giocatori che hanno mostrato il loro valore e il loro carattere. E’ necessario, però, lavorare duro e tranquilli, stringere i legami – di gioco e di affetti, ritrovare le radici e piano piano risalire. Questi ragazzi meritano fiducia.

Le parole di coach Ansell al termine del match: “Eravamo abbastanza contenti al termine della prima frazione. Nella seconda loro hanno accellerato e noi ci siamo persi. Non possiamo giocare solo 50 minuti se no sarà sempre peggio.Problema fisico o mentale? Dopo la loro quarta meta potrebbero essere state entrambe le cose. Fisicamente sono stati superiori, questo è certo. Troppi falli? Il nostro problema più grosso rimane la disciplina, senza dubbio. Ci stiamo lavorando, ma dobbiamo migliorare ancora molto. Cosa salverei? Buono il drive e le touche. In mischia abbiamo sofferto meno di quanto pensavamo. Il prossimo match con Viadana? Tutte le partite sono importanti, specialmente quelle in casa. Ora abbiamo tempo per ricaricare le batterie e poi ripartire per dare una svolta al campionato”.

Le parole di Jeff Montauriol a fine match: “Nel primo e ne secondo tempo abbiamo giocato partite diverse. Abbiamo retto nella prima parte di gara, ma poi siamo speriti. Loro hanno tanti giocatori che fanno la differenza e abbiamo pagato caro ogni sciocchezza. L’indisciplina? Guarderemo il video per capire qualcosa di più, ma sicuramente prendere 20 falli è stato disatroso. In touche è andata bene. Non hanno fatto mete dal drive, quindi almeno questo lo salviamo. Tornare al Battaglini? E’ stato molto bello. Appena arrivato sono stato a salutare i ragazzi del Rovigo in spogliatoio e poi mi ha fatto molto piacere sentire il calore del pubblico rossoblu a fine partita”.

FORMAZIONI E TABELLINO
Marcatori: p.t. 1’ m. Cicchinelli tr. Chillon (7-0), 17’ m. Halvorsen tr. Chillon (14-0); s.t. 44’ m. Nibert tr. Chillon (21-0), 52’ m. Ferro tr. Chillon (28-0), 58’ m. Buondonno tr. McKinney (28-7), 67’ m. Vian tr. Mantelli (35-7), 69’ m. Odiete tr. Mantelli (42-7), 71’ m. Angelini tr. Mantelli (49-7), 74’ m. Cicchinelli tr. Mantelli (56-7), 80’ m. Odiete non tr. (61-7)

FEMI-CZ Rovigo: Antl (25’-33’ Rossi); Cioffi, Majstorovic, Angelini, Odiete; Chillon (54’ Mantelli), Loro (41’ Piva); Halvorsen (41’ Nibert), Lubian (49’ Canali), Vian; Ferro (cap.) (76’ Barion), Cicchinelli; D’Amico (54’ Pavesi), Momberg (70’ Rossi), Brugnara (54’ Vecchini).
all. Casellato
Verona Rugby: Mortali; Buondonno, Pavan (48’ Cruciani), Quintieri (76’ Spinelli), Conor (70’ Costantinescu); McKinney, Soffiato (53’ Di Tota); Riccioli (cap.), Rossi, Montauriol; Signore (59’ Zago), Groenewald; Cittadini, Silvestri (48’-53’ Delfino) , D’Agostino (56’ Furia) (73’ Rizzelli).
All. Doorey
Arb. Stefano Bolzonella (Cuneo)
AA1 Gianluca Gnecchi (Brescia), AA2 Riccardo Bonato (Padova)
Quarto Uomo: Filippo Russo (Treviso)
Cartellini: 23’ giallo a Momberg (FEMI-CZ Rovigo), 23’ giallo a Signore (Verona Rugby), 38’ giallo a Majstorovic (FEMI-CZ Rovigo)
Calciatori: Chillon (FEMI-CZ Rovigo) 4/4; McKinney (Verona Rugby) 1/1; Mantelli (FEMI-CZ Rovigo) 4/5
Note: giornata fredda, circa 5°, campo in discrete condizioni. Spettatori circa 1000.
Punti conquistati in classifica: FEMI-CZ Rovigo 5; Verona Rugby 0
Man of the Match: Vian (FEMI-CZ Rovigo)