AGSM Verona ritrova i tre punti: 2-1 all’Empoli

Riprende dopo la sosta per gli impegni della Nazionale, il massimo campionato di calcio femminile con le ragazze dell’Agsm Verona che ospitano tra le mura amiche di via Sogare il neo-promosso Empoli.
Mister Longega deve rinunciare a capitan Angelica Soffia e a Margherita Giubilato, ma può contare sull’ultimo arrivo, la finlandese Riikka Hannula, inserita nell’undici titolare.
Pocher emozioni per l’infreddolito pubblico che deve attendere fino al 24′ per la prima emozione con Peare che crossa dal fondo ma la greca Kongouli e la finlandese Hannula non pervengono alla deviazione sotto rete.
La prima frazione si chiude a reti inviolate con un Verona padrone del campo ma sterile in fase conclusiva.
Nell’intervallo Longega sostituisce Nichele con Fishley. Il Verona si presenta in campo con ben altro piglio.
All’8′ Kongouli va in rete ma si alza implacabile la bandierina dell’assistente e la rete viene annullata.
Subito dopo la neo-entrata Fishley va alla conclusione con palla a lato.
Gialloblù vicinissime al vantaggio al 12′ con Hill che riceve da Hannula e da posizione decentrata a due passi dal portiere fa partire un diagonale che l’estremo difensore devia impercettibilmente in angolo.
La rete del meritato vantaggio arriva finalmente al 14′ con Thorvaldsdottir che sfrutta un errore della retroguardia empolese, ruba palla al portiere e appoggia in rete il pallone dell’uno a zero.
Subito il gol le toscane escono dal proprio guscio e si guadagnano un calcio di punizione con la neo entrata Borghesi che calcia impegnando per la prima volta Lemey, brava a deviare con l’aiuto della traversa.
Bianca Bardin che dalla lunga distanza fa partire una bellissima conclusione toccata dal portiere contro la traversa.
Scaligere ancora vicine al raddoppio con l’islandese Thorvaldsdottir che da due passi si fa respingere la conclusione.
Alla mezz’ora Verona graziato da Bargi che sola in contropiede non inquadra la porta davanti a Lemey.
Scampato il pericolo le scaligere confezionano l’azione del raddoppio: Fishley crossa dalla sinistra per Thorvaldsdottir che spizza di testa trovando il tentativo di respinta del portiere che tuttavia non riesce a bloccare la sfera prima che varchi la linea di porta.
L’Empoli prova a riaprire il match con Prugna ma Lemey para a terra con sicurezza. Duello, tra il portierone gialloblù e la numero sette toscana, che si ripete anche due minuti più tardi.
Al 42′ Kongouli viene atterrata in area. Calcio di rigore ineccepibile che la stessa numero dieci gialloblù si incarica di battere, ma l’attaccante greca coglie in pieno sulla traversa, venendo successivamente travolta.
Dal possibile tre a zero si passa al due a uno poiché a tempo ormai scaduto l’Empoli accorcia con Bargi che sugli sviluppi di un calcio d’angolo viene lasciata colpevolmente libera di battere a rete.
Nei due minuti di recupero il Verona gestisce il risultato e porta a casa tre punti preziosi quanto meritati.
Tornano a sorridere le ragazze in maglia gialloblù che dopo una prima frazione sonnacchiosa hanno legittimato il risultato con una ripresa superlativa. Sabato prossimo le veronesi saranno chiamate ad affrontare una trasferta difficile a Udine sul campo insidioso del Tavagnacco.

AGSM VERONA-EMPOLI: 2-1
Reti:
St. 14′ e 33′Thorsvaldottir, 44′ Bargi.

Agsm Verona: Lemey, Lipman, Hill, Bardin, Thorvaldsdottir, Kongouli, Nichele (1′ st. Fishley), Ambrosi, Peare, Asgrimsdottir, Hannula.
A disposizione: Buhigas, Soffia, Osetta, Pasini, Fishley, Poli.
Allenatore: Renato Longega.
Empoli: Baldi, Di Guglielmo, Esperti, Caucci, Prugna, Orlandi, Bargi, Parrini, Morucci (36′ st. Orsi), Cinotti (26′ st. Acuti), Filangieri.
A disposizione: Vicenzi, Venturini, Orsi, Naticchioni, Acuti, Borghesi, Meropini.
Allenatore: Alessandro Pistolesi.
Arbitro: Stefano Peletti (Crema)
Assistenti: Paolo Fiorese e Simone Daminato (Bassano del Grappa).
Note: Terreno in erba artificiale, giornata fredda con raffiche di vento. Ammonite: Kongouli, Orlanti. Recupero 1+2.