Ampezzan suona la carica per l’Olimpica: col Brixen per i due punti

Un debutto in campionato da dimenticare al più presto quello di sabato scorso per la Venplast Dossobuono che, a Cassano Magnago, non è riuscita a raccogliere punti a causa di una prestazione insufficiente. Difficile salvare qualcosa della scorsa partita, che dovrà essere mandata in archivio il più velocemente possibile.
Sabato, con Alice Biondani in tribuna per problemi fisici, le veci di capitano sono toccate ad Elisa Ampezzan che commenta così la propria prestazione e più in generale quella della squadra: "È mancata tutta la solita armonia di squadra in attacco, dovuta anche all'ottimo reparto difensivo del Cassano. Al contrario, noi abbiamo lasciato troppa libertà alle nostre avversarie che ne hanno approfittato in più di una circostanza. La mia performance non è stata certamente tra le migliori; in molti momenti della partita mi è mancata la lucidità che solitamente riesco a mantenere ed a gestire al meglio. La manovra offensiva della squadra ne ha sicuramente risentito".

Un debutto in trasferta non è mai un inizio agevole, soprattutto in un palazzetto storico come il PalaTacca di Cassano Magnago. Ora però le nostre ragazze potranno contare su un doppio impegno casalingo contro Brixen e Ariosto Ferrara dove potersi sbloccare davanti al proprio pubblico amico.

“Sicuramente il campo di Cassano – spiega Ampezzan – è uno dei più difficili da affrontare. Il pubblico di casa si è fatto sentire in più di un’occasione a favore delle proprie atlete, ma questa non può essere una giustificazione; se avessimo giocato al massimo delle nostre potenzialità, con impegno e concentrazione, avremmo potuto portare a casa l’intera posta in palio. Sabato scenderemo in campo contro Brixen con tanta voglia di vincere e di fare bene. Speriamo di trovare la giusta concentrazione fin da subito, elemento fondamentale per poter rendere al meglio e centrare i due punti. Sono reduci anche loro da una bruciante sconfitta in rimonta; sono certa che scenderanno in campo contro di noi per vendicare l’esordio amaro. Brixen è abituata a non mollare nemmeno un centimetro fino alla seconda sirena; l’anno scorso in casa vincemmo di una rete, in un incontro tiratissimo. La prima di campionato ha confermato questa tendenza di Brixen nel combattere fino alla fine. Dobbiamo essere pronte a scendere in campo psicologicamente pronte ad una battaglia, senza concederci pause mentali durante l’incontro”.

Ufficio stampa Pallamano Olimpica Dossobuono