Marica Usvardi inquadra la sfida Real Meda-Fimauto Valpolicella

logo-valpolicella-calcio-femminileArchiviato l’impegno di Coppa Italia contro l’AGSM Verona, le ragazze del Fimauto Valpolicella si rituffano nel campionato. Domenica 23 aprile, con inizio alle ore 15, le rossoblù affronteranno in trasferta il Real Meda, formazione lombarda, che occupa attualmente il quinto posto in classifica.
Non sarà una partita semplice, come del resto non lo saranno tutte quelle da qui fino al 14 maggio, data in cui terminerà il campionato. Per il Valpo l’obiettivo è e rimane uno solo: vincere tutte le sfide per poter festeggiare. L’Inter infatti è ancora a -2 dopo aver recuperato, e vinto, le due partite rinviate (3-2 al Milan e 6-1 alla Riozzese) e quindi sono vietati passi falsi.
La centrocampista Marica Usvardi analizza così il momento della squadra, in vista dei prossimi impegni.
Tornando alla partita di Coppa – spiega Marica – c’è poco da dire; chi ha assistito al derby ha sicuramente visto una bella partita tra due grandi squadre. Noi non abbiamo nulla da recriminare perchè abbiamo affrontato al meglio la sfida, esprimendoci ad ottimi livelli. Nell’arco dei novanta minuti si è sicuramente vista la differenza atletica: il Verona si allena quasi tutti i giorni, mentre noi non abbiamo questa possibilità. A livello tecnico abbiamo tenuto testa ad una formazione di serie A, che ha giocato molto bene, e quindi per noi è un’ulteriore iniezione di fiducia per il prosieguo della stagione. Siamo molto soddisfatte della nostra prestazione. Dovremo affrontare le ultime quattro partite di campionato con la stessa determinazione e grinta”.

Prosegue Usvardi: “Nelle prossime partite l’unico limite potrebbe essere la mentalità, ovvero scendere in campo con l’atteggiamento sbagliato. Ma credo siano preoccupazioni infondate: in questo momento la nostra mentalità è buona, siamo concentrate, cariche e abbiamo una gran voglia di arrivare alla fine. Inoltre le qualità ci sono e le abbiamo dimostrate in tutto il campionato e, soprattutto, nell’ultima partita di Coppa. Il nostro è un grande gruppo, siamo molto unite, ci aiutiamo, ci crediamo, ci sosteniamo a vicenda. Insomma: gli ‘ingredienti’ per centrare l’obiettivo finale”.

A livello personale – conclude il centrocampista del Fimauto Valpolicella – speravo di giocare di più, è inutile nasconderlo. In vista delle prossime quattro partite sono comunque pronta a scendere in campo, se il mister avrà bisogno di me, e a dare il meglio di me stessa per ripagare la fiducia. In questo momento della stagione, però, è egoistico parlare del singolo e valutare le situazioni personali. Adesso bisogna solo guardare al bene del gruppo e remare tutti nella stessa direzione. In ballo c’è  qualcosa di molto importante…“.