Giovane e determinata, Arianna Brunetti, classe 1998, è pronta per la nuova avventura con la Venplast Dossobuono che inizierà fra meno di un mese con la preparazione estiva. Un importante cambiamento anche per lei, da sempre militante nella sua Ferrara.

«Abito a due passi a due passi dal PalaBoschetto – esordisce Arianna Brunetti – dunque sicuramente sarà un modo di vivere la pallamano con più sacrificio per me. Ho iniziato approcciandomi a questo sport tramite la scuola, per poi praticarlo seriamente a partire dalla seconda media. Nella trafila delle giovanili ho disputato due volte le finali nazionali per poi cominciare a respirare l’aria della prima squadra circa quattro anni fa. Ho sempre giocato nell’Ariosto Ferrara, per poi trasferirmi negli ultimi due anni all’Estense. Nell’ultima stagione con l’Estense ci eravamo poste un obiettivo più ambizioso rispetto a quello che poi abbiamo effettivamente raggiunto sul campo, ma gli infortuni e le difficoltà hanno frenato la nostra corsa. Ci siamo lasciate sfuggire alcune partite che sicuramente erano alla nostra portata ed anche questo fattore ha inciso. Personalmente penso di aver disputato un buon campionato, soprattutto nei momenti di maggior difficoltà dove, insieme alle mie compagne, siamo riuscite a non perdere il controllo della situazione».

Ora il presente ed il futuro per Arianna Brunetti si chiama Venplast Dossobuono; una nuova strada da percorrere insieme alle compagne giunte insieme a lei dall’Estense Ferrara:«La loro presenza di sicuro mi fa molto piacere; sicuramente cercheremo di integrarci il prima possibile con la nuova squadra. Sono una giocatrice ancora molto giovane e non del tutto esperta. Cerco sempre di imparare qualcosa di nuovo da chi mi sta accanto per riuscire a migliorare, e questo sarà uno dei miei propositi anche a Dossobuono. Mi ha colpito molto il progetto della società, che non vuole affidare le chiavi della squadra alle individualità ma al collettivo. Ho parlato con mister Escanciano Sanchez e di lui mi ha impressionato la determinazione che ha usato nel nostro confronto iniziale, oltre all’ambizione di voler continuamente migliorare sotto tutti i punti di vista. Delle ragazze a Dossobuono in questi anni mi ha sempre fatto piacere lo spirito con cui hanno affrontato ogni partita. Che dire, sono molto carica per questa nuova stagione che è ormai alle porte».