Torna il campionato per la ragazze del Fimauto Valpolicella: domenica 15 aprile, alle ore 15, allo stadio Olivieri di Via Sogare andrà in scena la sfida contro le campionesse d’Italia in carica della Fiorentina, partita valida per la 18^ giornata del campionato di serie A. Sarà il primo degli ultimi cinque impegni che da qui al 12 maggio, senza più interruzioni, andranno a concludere la stagione 2017-2018.

Il sesto posto in classifica, e le ultime positive prestazioni, mettono Boni e compagne in una situazione di tranquillità in ottica salvezza, anche se manca ancora la matematica che potrebbe arrivare proprio dopo la sfida contro la Viola.
Daiana Mascanzoni, numero 21 gialloblu, inquadra così l’impegno di domenica: “La squadra sta bene e durante questa, ennesima, sosta ci siamo allenate tutte con regolarità. Dopo la sconfitta contro il Brescia, al termine di una buonissima prestazione contro una candidata alla scudetto, abbiamo acquisito ulteriore consapevolezza dei nostri mezzi: sappiamo che possiamo ‘far paura’ anche alle grandi. La Fiorentina è una di queste squadre, la classifica non deve ingannare: sono le campionesse d’Italia in carica e, anche se non stanno attraversando un grande momento, hanno una rosa di grande qualità. Per quanto ci riguarda le motivazioni per affrontare questa sfida non mancano: vogliamo giocarcela di più rispetto alla partita di andata, quando perdemmo male. Dobbiamo portare a casa quei punti che ci servono per festeggiare matematicamente la salvezza. La classifica è buona, è vero, ma vogliamo migliorarla ancora; non vogliamo dipendere dai risultati delle squadre sotto di noi. Speriamo di chiudere definitivamente il capitolo salvezza già domenica, per poi pensare a chiudere bene il campionato”.

Daiana infine analizza così la sua stagione: “Il mio campionato lo definirei ‘rivelatorio’; infatti mai avrei pensato di passare da prima punta, come ero l’anno scorso, a terzino. Questo nuovo mi calza a pennello e si sposa benissimo con la mia personalità, facendomi trovare nuovi stimoli durante ogni partita. Cosa mi aspetto per la prossima stagione? Intanto voglio finire bene questa, perchè ci sono ancora cinque partite e tanto da fare. Per il resto deciderà la società: io qui sto benissimo e, ovviamente, vorrei continuare a far parte della famiglia Valpo-Chievo”