Una serata indimenticabile. E’ iniziato sotto i migliori auspici il viaggio del team Autozai Contri Omap per la stagione 2018. Un’ondata di affetto travolgente, una dimostrazione di vicinanza che certamente corroborerà i nostri giovani juniores pronti ad un’intensa stagione ciclistica. Un condensato di emozioni di cui conserveremo per lungo tempo un dolce ricordo, reso possibile dalla splendida ospitalità dell’Hotel Dolci Colli di Peschiera del Garda. “Il ciclismo sa essere sempre magico. Vi ringrazio per il supporto. Personalmente sono onorato di poter guidare la squadra in cui sono cresciuto. Ne vado davvero fiero”, il messaggio introduttivo di Enrico Mantovanelli, al suo primo anno da presidente Autozai Contri Omap. Una società che da oltre 30 anni è punto di riferimento per il ciclismo juniores italiano. Una storia in cui sono germogliati atleti e uomini di primo livello, con in prima fila però Davide Rebellin, leggenda del ciclismo nostrano e ospite d’onore della nostra presentazione.

“Sono felicissimo di essere ritornato a casa. Auguro a questi ragazzi di poter crescere coltivando una passione. Seguite i consigli”, la raccomandazione quasi da papà di Rebellin, “di chi ha speso tanto della propria vita per il ciclismo. E non dimenticate il valore del sacrificio”, le parole di chi a 46 anni ancora non ha alcuna intenzione di smettere ed anzi si sta preparando alla ventisettesima stagione da professionista della propria carriera. Un bel mischiarsi fra storia e futuro, con i nostri ragazzi protagonisti anche di un piccolo video e di una presentazione a beneficio di tutti i presenti. Autozai Contri Omap inoltre omaggiata dell’affetto di tante cariche istituzionali, a partire dal mondo federale. “Non perdete mai la voglia di impegnarvi. Lo sport è il migliore acceleratore per il vostro futuro”, il messaggio quasi comune di Paolo Fantoni, Gianluca Liber e Diego Zoccatelli, rispettivamente dirigente BMX, vicepresidente del comitato veneto e delegato veronese della Federciclismo. A seguire anche vari premi, ad Alessandro Garbin della Cage per l’impegno mostrato con i giovani, ai giornalisti che quotidianamente lavorano per lo sviluppo del ciclismo o a chi come Nicola Chesini è interprete alla guida di altre società di uno sport sano ed equilibrato. Un terzo tempo ciclistico in piena regola, con gli auguri anche del consigliere comunale di Verona e membro del mondo Panathlon Alberto Bozza o chi come gli ex professionisti non si sono voluti perdere l’occasione di riunirsi tutti assieme, accomunati dalla stessa inguaribile passione. Un traino per cui abbiamo celebrato i nostri sponsor, i veri motori della nostra macchina organizzativa. Una serata indimenticabile e a tutto tondo, il modo certamente più bello per attrezzarsi ad un 2018 denso di sfide e di impegni ma sempre con regole e principi saldi.

“Noi siamo una famiglia sana e vogliamo salvaguardare questa essenza senza titubanze”, l’ultimo e chiaro messaggio del dottor Lucio Cordioli. La chiusura perfetta per un ciclismo sano e di stampo familiare. Un ciclismo magico, aggiungiamo noi. Buon Viaggio Autozai Contri Omap 2018