Vittoria di squadra per gli AGSM Mastini Verona nello splendido stadio Cosulich di Monfalcone. I ragazzi di coach Maggini soffrono insieme, attendono il momento per la zampata finale e strappano una convincente vittoria per 27 a 6 contro i locali Sentinels Isonzo. Ancora qualche errore di troppo per i gialloblù. Errori che permettono così ai giallo verdi di coach Degrassi di rimanere in partita sino alla fine del terzo quarto. Ma Verona domina. Ci crede. Fino alla fine, portando a casa la prima vittoria stagionale.

Passando alla cronaca, parte bene la difesa scaligera con capitan Diego Gennaro ad incunearsi tra la linea di attacco delle Sentinelle costringendo la squadra di casa al punt. L’attacco veronese sembra subito determinato con un gioco concreto ed efficace. Il giovane Alex Savoia, Bozzini e Federico Quarella avvicinano la palla alla endzone ed è Elia Viviani a piazzare in mezzo ai pali i primi tre punti della serata (0 – 3).

Anselmi, altro giovane proveniente dalla Mastini Academy, placca splendidamente il portatore di palla sul kickoff e la difesa scaligera sale sugli scudi con Antino e Argenta. Per i Sentinels è di nuovo punt.

Carminati muove palla con un buon gioco aereo imbeccando prima Alex Savoia, poi Venturi. I Mastini avanzano ma è un intercetto della secondaria difensiva dei Sentinels a gelare la panchina scaligera. Entra nuovamente la defense dei Mastini ed è lo splendido intervento di Giulio Marchi ad avvicinarci all’Intercetto del gialloblù Simone Brega che zittisce la reazione giallo verde. L’attacco scaligero riparte splendidamente con i blocchi devastanti della linea di attacco che apre voragini per le corse di Sebastiani e Quarella. La difesa dei Sentinels rimane bassa e Carminati è perfetto nel pescare Venturi in mezzo al capo. Il numero 88 scaligero varca la goal line e alza le mani verso il cielo, dedicando al padre il suo primo touchdown stagionale. (0-10).

Nel successivo possesso dei Sentinels arriva la doccia fredda per Verona. Un rocambolesco lancio di Arduini finisce incredibilmente nelle mani di Brandolin che se ne va in touchdown. Il calcio viene bloccato e le due squadre se ne vanno in spogliatoio per l’intervallo (6-10). Partita riaperta.

Al rientro in campo i Mastini sembrano premere sull’acceleratore con Federico Quarella e Storm Savoia a macinare yards. Arriva però una nuova palla persa per i Mastini e l’incubo della prima giornata di campionato continua a veleggiare sui gialloblu. Ci pensa nuovamente la difesa a imporre il predominio in campo con “Ciba” Costanzo e Brega splendidi nei loro interventi. Al terzo tentativo dei padroni di casa è fantastico l’intercetto del linebacker gialloblù Dalla Bernardina che se ne va in toccato sino in touchdown. Un fallo vanifica però la segnatura del numero 39 scaligero che comunque riconsegna il possesso palla a Verona. Coach Maggini non rischia e con Elia Viviana spara in mezzo ai pali altri tre punti per il 6 a 13, quando ci si avvicina all’ultimo quarto di gioco.

La panchina scaligera gestisce al meglio il vantaggio bruciando tempo sul cronometro. Un drive pesante dei Mastini su dei Sentinels in difficoltà. I blocchi di Sterza, al suo esordio e dei veterani Gennaro e Viviani aprono autostrade per i runner scaligeri. Ci pensa Storm Savoia a correre in touchdown con una galoppata di 11 yards. Il calcio addizionale va a segno ed è 20 a 6 Verona.

Nel finale di gara la difesa gialloblù non molla con Mensah, Brega e Caglioni a imbavagliare i padroni di casa. Una finta di punt ben controllata dai Mastini consegna palla nelle vicinanze della endzone ed è nuovamente Storm Savoia a varcare la goal line per il 27 a 6 che chiude il match.

Gialloblu che tornano quindi alla vittoria, convincendo in tutti i reparti. I Sentinels si dimostrano squadra molto fisica, ma in difficoltà contro una squadra, quella scaligera, arrivata a Monfalcone con un grande desiderio. Quello di ritornare alla vittoria. Per i ragazzi del presidente Simone De Martin ci sono ora due settimane di tempo per preparare al meglio il match casalingo contro i Saints Padova