Si è disputata domenica 11 febbraio, all’Agsm Olivieri di via Sogare davanti a spalti gremiti, il posticipo RAI della seconda giornata di ritorno della Serie A femminile. Di fronte Agsm Verona e Ravenna in un match importante per entrambe le compagini alla ricerca dei tre punti per migliorare la classifica.

Le gialloblù, reduci dall’impresa di Firenze, ripresentano in campo la greca Kongouli. Parte dalla panchina Dupuy.
Ed è proprio Kongouli a cercare di rendersi per prima pericolosa dopo una manciata di secondi dal fischio d’inizio.
Poche emozioni nella prima mezz’ora di gara con le difese che annullano gli attacchi avversari.
Occasione per il Verona sprecata da Angelica Soffia che a tu per tu con Guidi spara a lato.
Risponde il Ravenna che coglie il palo direttamente da calcio d’angolo.
Scampato il pericolo l’Agsm Verona si riversa in avanti e passa in vantaggio: lancio di Soffia per Kostova che stoppa in area e batte Guidi con un rasoterra sul palo opposto.
Rinfrancate dal gol le veronesi si rendono nuovamente pericolose ma sprecano una ripartenza in superiorità numerica con Kongouli pescata in fuori gioco.
Al 41° il Verona perviene al raddoppio: azione condotta da Kongouli che in area supera il difensore, lascia il pallone sui piedi di Kostova che dribbla il portiere e appoggia in rete il pallone del due a zero.
Kongouli ci prova anche dalla lunga distanza ma Guidi fa buona guardia.
Si va al riposo con il doppio vantaggio scaligero.
La ripresa si apre con un calcio di punizione battuto da Kostova, sfera deviata da un difensore, Ambrosi insacca ma viene segnalato il fuori gioco.
Al 9° minuto Verona mette in cassaforte il match: apertura a destra per Angelica Soffia che controlla e fredda l’estremo difensore con un fendente sul primo palo. Possono esultare le gialloblù per una gara decisamente indirizzata nei giusti binari.
Lemey tiene inviolata la porta andando a respingere la conclusione da distanza ravvicinata di Errico.
Sull’altro fronte Kongouli si fa parare con un piede il tiro a botta sicura.
Al 20′ il Ravenna torna in partita: nonostante l’infortunio a Nichele rimasta a terra, l’arbitro riprende il gioco. Palla in area dove Hannula commette fallo. Calcio di rigore trasformato da Raffaella Manieri.
Trascorrono solamente tre minuti e il Verona allunga con Hannula che controlla in area e dopo essersi girata scaraventa all’incrocio il pallone del 4 a 1.
Neppure il tempo di esultare che il Ravenna accorcia nuovamente con Errico che raccoglie il lancio a scavalcare la linea difensiva, controlla di petto e incrocia battendo l’incolpevole Lemey.
Verona non rischia più nulla, anche se le romagnole provano fino alla fine a riaprire il match.
Al termine dei quattro minuti di recupero le gialloblù possono festeggiare per una vittoria importante che allontana le veronesi dalla zona calda della classifica. Verona batte Ravenna 4 a 2 e sabato prossimo ci sarà il derby veronese del massimo campionato con la Fimauto Valpolicella Chievo.

AGSM VERONA – RAVENNA  4-2
Reti: Pt. 29′ Kostova, 41′ Kostova, st. 9′ Soffia, 20′ Manieri, 24′ Hannula, 25′ Errico
Agsm Verona: Lemey, Lipman, Molin, Soffia, Bardin, Kongouli (33′ st. Fishley), Nichele (21′ st. Dupuy), Ambrosi, Decker, Kostova, Hannula. A disposizione: Buhigas, Zanoni, Meneghini, Goula, Fishley, Dupuy, Bouby Allenatore: Renato Longega.
Ravenna: Guidi, Alunno, Baldini, Pugnali, Filippi, Manieri, Errico, Quadrelli (8′ st. Casadio), Tucceri Cimini, Hamidouche (35′ st. Pittaccio), Barbaresi. A disposizione: Tampieri, Cuciniello, Costantino, Carrozzi, Principi, Pittaccio, Casadio. Allenatore: Andrea Rizzo.
Arbitro: Giovanni Agostoni di Milano.
Assistenti: Mangano di Verona e Daminato di Bassano.
Note: Pomeriggio con cielo parzialmente nuvoloso. Recupero 1+4.