logo_Rugby-ValpoL’annata sportiva è arrivata al giro di boa con le festività e in casa Rugby Club Valpolicella è tempo di un primo bilancio stagionale, sportivo ma non solo. A farlo è il Presidente del club di S.Pietro in Cariano Sergio Ruzzenente.“Forse ad inizio anno ci aspettavamo qualcosa in più in termini di risultati – commenta a proposito dei risultati del Santamargherita– In alcune partite non siamo riusciti a gestire il risultato, ma abbiamo affrontato squadre di alto profilo ed esperienza”. Ora sarà Poule Retrocessione per confermare la Serie A: “Sappiamo quanta concentrazione serva. Ogni singola partita è importantissima ma guardiamo con molta fiducia ai prossimi mesi”. Ma la Prima Squadra è solo la punta di diamante di un club attivissimo ad ogni livello della piramide ovale.

Le altre squadre come stanno andando?
La Napoleon Cadetta di coach Cirpiani sta rivaleggiando bene con sole vittorie e alcuni ragazzi già hanno esordit o nel Santamargherita, che conferma l’importanza strategica del secondo quindici. L’Abra On U18 di coach Zanella, inserita nel difficile girone meritocratico, sta sorprendendo per il gioco espresso. Tutte cose che lasciano ben sperare.

I numeri sono in costante crescita. Riuscite a gestirli?Come società siamo stati impegnati su più fronti. Il numero di tesserati sfiora quota 350, l’impegno generale è confortante e stiamo vivendo un momento di rafforzamento dell’intera struttura: tecnica per le squadre e organizzativa la parte di gestione e amministrazione. Gli aspetti da potenziare non mancano, ma comunque posso garantire che l’impegno è molto e i risultati si vedono. L’attività è poi distribuita su tre campi da gioco (S.Pietro, Nassar e Verona, ndr), cosa che testimonia la volontà di espansione e diffusione più capillare: si allarga il bacino e la disponibilità di palla ovale.

Si può fare un primo bilan cio del Progetto Franchigia con il West Verona?
Con gli amici del West c’è una buonissima collaborazione. Il Progetto va dall’Under 14 alla 18 e rappresenta un valore aggiunto per tutti, giocatori, allenatori e famiglie. I numeri sono sempre maggiori, a testimoniare la sinergia che ci unisce.

Gli ultimi mesi sono stati ricchi di impegni anche fuori dal campo…
Essere scelti dall’AGSM per lo spot di Natale testimonia la crescita in termini di riconoscibilità, così come l’aver realizzato un calendario benefico assieme alla sezione veronese dell’Ente Nazionale Protezione Animali. Prosegue poi la partnership con l’AVIS in cui crediamo davvero molto.

Il Progetto Scuole come procede?
Siamo presenti soprattutto nelle strutture del territorio di riferimento della Valpolicella e la risposta è buonissima in tutti gli istituti in cui siamo presenti. Sono coinvolti in modo diretto i giocatori Seniores: facciamo conoscere il rugby ai più giovani, a partire dall’ultimo anno della scuola dell’infanzia.

Ufficio stampa Valpolicella Rugby